Ecomondo: GRASP si presenta al pubblico

Tu sei qui:

Ecomondo ha offerto un ricco programma culturale tra cui ha avuto grande spicco la conferenza “E-procurement della Pubblica Amministrazione: ostacolo o opportunità per il GPP?” organizzata dalla Provincia di Perugia in collaborazione con Consip Spa . Ad introdurre e moderare gli interventi dei relatori è stato Paolo Fabbri ( Punto 3 ), esperto nazionale in Green Procurement .

A seguire, gli interventi di operatori del settore ed esperti in campo green, quali Marco Niro che ha portato a Rimini Fiere l’esperienza di APPA , agenzia per l’ambiente della Provincia di Trento, che si occupa di coordinare il processo di acquisto pubblico verde online dell’Ente tramite un progetto nato nel 2009 dalla volontà dell’Amministrazione di acquistare prodotti e servizi ecologici. A tal proposito, l’Ente ha attivato un mercato elettronico provinciale (ME-PAT) a cui possono aderire PA e imprese fornitrici abilitate che hanno, inoltre, la facoltà di segnalare il possesso di criteri ambientali (fornitori verdi) con lo scopo di sostenere lo sviluppo economico attraverso l’eco-sostenibilità.

La gremita Sala Rovere ha poi ospitato i relatori Dott. Ferdinando Gemma e Dott.ssa Lidia Capparelli (foto) , intervenuti per CONSIP Spa. Il primo ha illustrato i benefici del programma di razionalizzazione degli acquisti che si caratterizza per innovazione, concorrenza e trasparenza. Gemma afferma come per CONSIP sia “molto importante ascoltare le necessità delle Pubbliche Amministrazioni per correggere e migliorare gli strumenti di e-procurement”, strumenti che oggi vengono messi a disposizione delle PA per fare elettronicamente quello che prima si faceva in modalità cartacea. A seguire la Dottssa Capparelli che ha riportato invece alcuni esempi concreti di benefici apportati dagli acquisti verdi non solo in termini economici ma anche ambientali.

E’ stata poi la volta dei due interventi per la Provincia di Perugia: la Dott.ssa Barbara Coccetta e l’ing. Luigi Trollini . La Dott.ssa Coccetta ha illustrato GRASP , progetto finanziato nell’ambito del programma comunitario MED e che si rivolge ai paesi dell’area mediterranea. Partito circa 1 anno e mezzo fa con l’obiettivo di realizzare un sistema di gestione intelligente che combini domanda e offerta, GRASP ha come scopo finale l’assicurazione dell’utilizzo di soluzioni green. “Fondamentale – sostiene la relatrice – è il coinvolgimento delle piccole e medie imprese. L’informazione e la sensibilizzazione nei confronti degli utenti finali, PA e PMI, ci ha mosso ad organizzare questo momento di confronto”. L’Ingegner Trollini, che ha seguito gli aspetti tecnici della piattaforma GRASP, ne ha illustrato in dettaglio gli strumenti dividendoli in: Green Database, EGpp Tool e TMN.

Coordinatore del progetto, il Prof. Yorgos Stephanedes dell’Università di Patrasso che ha sintetizzato la metodologia di GRASP descrivendo i due processi ad esso collegati, quello diretto e quello indiretto. Nell’ambito di quest’ultimo rientra l’organizzazione di seminari di formazione rivolti ai soggetti privati e pubblici del Mediterraneo aderenti al progetto.

La sessione si è conclusa con le testimonianza di due realtà italiane di successo in ambito di Green Procurement. La prima è stata raccontata dal Dott. Francesco Blandamura di Litek , azienda leader nel campo dell’illuminazione pubblica al Led.

Giuseppe Avolivolo, direttore commerciale di Minimo Impatto , realtà nata nel 2007 per informare i consumatori sulla concreta possibilità di fare scelte sostenibili anche da un punto di vista economico, ha concluso i lavori spostando l’attenzione sul cittadino che può contribuire materialmente allo sviluppo del green procurement.

Potrebbe interessarti anche...